Cronistoria


Cerca nel sito…



In libreria


I luoghi delle Triplici Cinte in Italia


Accademia Platonica


Accademia Platonica

Il simbolismo della Ruota

 

 

La Ruota a Quattro Raggi

 

 

La Ruota a quattro raggi

 

 

La forma più semplice di ruota è quella che presenta quattro raggi, solitamente disposti a formare una croce retta. È tra i più antichi simboli solari, chiamato anche croce solare, croce di Odino o Croce di Woden. Odino, presso le popolazioni del Nord Europa, e Wotan, o Woden, presso quelle di ceppo teutonico, era l’essere supremo della loro religione. Era il dio dell’arte, della cultura, della guerra e dei morti, rappresentato come un vecchio con un occhio solo, recante al fianco due corvi come suoi messaggeri. Nell’antica Cina lo stesso simbolo era associato al tuono, al potere, all’energia ed al rispetto.

 

Guardando all’aspetto grafico vero e proprio, il concetto di ciclicità genericamente espresso dalla Ruota si arricchisce di nuovi significati quando all’interno della stessa compaiono i raggi, il cui numero è indicativo delle diverse suddivisioni in cui il ciclo s’intende ripartito. Ad esempio, riferendo la Ruota alla dimensione terrestre, la quadripartitura può essere associata al ciclo delle stagioni (e quindi, alla dimensione temporale), ai punti cardinali (e perciò, per riflesso, alla dimensione spaziale), ai quattro momenti particolari della giornata (alba, mezzogiorno, tramonto, mezzanotte), alle fasi lunari e, estendendoci anche alle tradizioni orientali o dell’America Centrale, alle quattro ere dell’umanità. Spesso il simbolo è stato utilizzato per indicare la Terra, ed ancora oggi in astrologia questo pianeta è indicato con il simbolo in questione.

 

L’avvento del Cristianesimo si appropriò subito del simbolo in questione, ravvedendo nella croce centrale il segno della passione di Cristo, che sulla croce venne giustiziato. In questo ambito è conosciuta anche come croce gammata, croce cattolico-romana, croce d’inaugurazione o di consacrazione. Quest’ultimo epiteto deriva dal fatto che nelle chiese di ogni tempo, ed ancora oggi, troviamo questo simbolo soprattutto nei quattro angoli fondamentali dell’edificio, gli stessi che nel rito fondamentale di consacrazione e dedicazione della chiesa vengono unti e benedetti dal vescovo con l’olio sacro. Troviamo spesso lo stesso emblema usato come aureola sul capo dei Santi, per sottolineare il potere spirituale o l’aura energetica che viene emanata da una persona santa, cioè piena di Spirito; è un’associazione con l’antico senso originale di "segno del potere".

 

Simbolo alchemico di Venere (Rame)Durante il Medioevo gli Alchimisti usavano questo simbolo per indicare, generalmente, le leghe di rame, stante la somiglianza col simbolo del pianeta Venere (v. fig. a lato), che indicava anche l’elemento Rame. In altri contesti, lo stesso segno indicava la polvere di stelle, o yliaster; si trattava con tutta probabilità di ferro meteoritico, cioè "caduto dalle stelle".

 


 

Moderne derivazioni dal simbolo

 

 

Emblema della NATO

 

Emblema della NATO
La NATO (North Atlantic Treaty Organization), o Organizzazione del Trattato Nord Atlantico, è un'organizzazione internazionale per la collaborazione nella difesa, creata nel 1949. L'emblema ufficiale rappresenta una croce a quattro bracci in forma di Rosa dei Venti, contornata da un cerchio. Le origini di tale simbolo sono sconosciute, salvo il fatto che l'ideazione concettuale è opera di un membro dello Staff Internazionale. In linea generale, tuttavia, molti loghi e simboli moderni, specialmente se riferiti a organizzazioni a livello nazionale o internazionale, si ispirano all'antico simbolismo esoterico; ciò perché molto spesso le persone che si trovano ai vertici di queste organizzazioni provengono da ambienti massonici o comunque legati a tradizioni esoteriche.

 

 

La Croce Celtica del Neo-Fascismo

 

La Croce Celtica neofascista

Sebbene non sia stata mai adottata ufficialmente come simbolo dal Regime Fascista, la Croce Celtica è diventato uno dei più noti e diffusi simboli del Neo-Fascismo. Come tale, infatti, venne adottata per la prima volta dal Parti Populaire Française, un partito politico collaborazionista della Francia Occupata, e nel periodo del Dopoguerra si diffuse all'interno di diversi gruppi di estrema destra in tutta Europa. L'ispirazione fu sempre e comunque la Croce Celtica di Odino, simbolo solare e di potere, in modo simile alla swastika, o croce gammata, che divenne simbolo ispiratore del Partito Nazionalsocialista di Hitler, ma anch'esso in principio simbolo solare.

 

 

Segnaletica stradale: il divieto di fermata

 

Divieto di fermata

È sufficiente una rotazione di 45° del simbolo della Ruota a Quattro Raggi, per modificarne notevolmente il significato originale. In questo caso, prende il sopravvento l'effetto neutralizzante e cancellante della croce diagonale. Il cerchio esterno, che simbolicamente rappresenta la pienezza delle possibilità, viene limitato dalla presenza della croce: non a caso, infatti, la "X" è spesso usata modernamente come simbolo di divieto. Nella segnaletica stradale, questo senso è pienamente illustrato dal segnale di "divieto di fermata", che impedisce a qualsiasi veicolo non solo di parcheggiare, ma persino di fermarsi brevemente nella zona segnalata. Anche l'ideazione di tali simboli ha attinto pienamente dall'antica Tradizione simbolica.

 

 


 

Il simbolismo della Ruota

 

La Ruota a Sei Raggi

La Ruota ad Otto Raggi

La Ruota della Fortuna